Non è come Sansone…. – di Flavio Trovato

Posted on

La cima più’ alta, in quella giornata così’ nitida e soleggiata, disse a quella un po’ meno alta e
meno innevata: -Hai visto anche tu da più’ in basso? Ma quanti saranno?…guardali son proprio
tanti e tutti ammassati in quel viale li’ tra le risaie….- La vetta inferiore incuriosita da così’ tanta
confusione aspetto’ a replicare alla sorella maggiore ma alla fine rispose -C’e’ anche lui, lo
riconosci? E’ da un po’ che non si vedeva… ma e’ li’ e si sta allenando, si sta preparando per
raggiungerci presto…-, – si,si, per venirci a trovare e tra un po’ sara’ qua..-,-ti sembra cambiato
dall’ultima volta in cui l’abbiamo visto?- chiese con calma la vetta minore?-…-forse mi appare un
pelo più’ determinato, e più’ snello ma forse perché’ vedo che ha tagliato un po’ i capelli..-rispose
l’altra.
Durante la conversazione, intanto il sole faceva il suo ingresso e la temperatura inusuale per quel
periodo dell’anno incominciava ad alzarsi e così’ anche la natura decideva con estrema tranquillità’
di iniziare la giornata. L’orizzonte dava spazio a panorami tipici invernali con sommità’ colme di
neve e un cielo azzurro e splendido quasi da cartolina.Da un abete tutto ad tratto presero a volare
due falchi, quasi stanchi di rimanere appollaiati su quel ramo così’ infreddoliti e decisero di
prendere il largo, di spiegare le ali e prendere il volo verso un po’ più’ di caldo. Così’ quasi fossero
stati due droni, incominciarono a volare sopra gli alpeggi e sempre più’ a sud sino ad abbandonare
la neve e incominciare ad intravedere la pianura… le risaie…i canali…
Il paesaggio era decisamente cambiato e ad un tratto il più’ giovane esclamo’: -Guarda guarda
quanta gente, quanti colori, mi sembrano da quassù’ delle stelle filanti tutte
colorate…rigorosamente in fila… e che giro che fanno!!-,- Quelli sono gli uomini caro,- replico’ il più’
anziano- dalle nostre parti possono passare giornate intere prima di intravederne qualcuno… ma
non quaggiù’ e soprattutto, a quanto pare, non oggi….-.Preso dalla voglia di vedere e sapere, il più’
giovane incomincio’ a muover le ali più’ velocemente per veder meglio cosa stava accadendo sotto
a loro, ma il compagno lo riprese e gli disse: – Calmati e seguimi, non andare troppo in la’ andiamo
in direzione di quella torre alta chiamata di San Gaudenzio, dove ci sono tutte quelle abitazioni.-…
e così’ fecero allontanandosi dal labirinto colorato. Improvvisamente il più’ immaturo tra i due
rimase scosso dall’ aumentare della confusione sottostante e dovette chiedere all’altro:- ma
perché’ qui c’e’ così’ tanto disordine? Perché’ tutte quelle persone creano una così’ grande bolgia?
non capisco….-.il più’ saggio quasi con malizia ma anche con piacere replico’:- sono gli uomini,
caro, vedi quelli seduti, quelli che non fanno parte delle stelle filanti colorate ma sono seduti
all’interno delle automobili e che fanno un gran chiasso con i clacson?-,-Si,si- replico’ l’altro sempre
più’ incuriosito- chi sono?-. -Sono degli incivili, persone che non condividono la fatica degli altri,
persone che pensano solo a loro stessi e che probabilmente non farebbero mai quello che stanno
facendo quelli a piedi….-.
Il sole stava “mangiando” le ore e così’ i due volatili reali decisero di rientrare nel loro mondo più’ a
nord, partendo dalla torre alta che li aveva ospitati…sempre più’ stelle filanti terminavano il loro giro
da dove avevano iniziato, chi prima, chi dopo ma tutti sembravano proprio felici. In breve tempo
l’abete che li aveva lasciati li raccoglieva calorosamente sereno di poter dare sostegno e aiuto a
qualcun altro per ancora una buona parte della giornata. Col passare del tempo intanto, il sole
aveva smesso di baciare i rami sempreverdi e così’ anche i falchi tornarono nella loro ombra e
nella loro spensieratezza e tutto torno’ come prima.
Il sole oramai stava tramontando completamente e anche le due cime chiacchierone avevano
capito che la giornata era terminata anche per quel giorno,ma prima che il sole scomparisse dietro
la linea dell’orizzonte la maggiore disse: -Hai visto oggi? Cosa ti avevo detto stamattina? E’ riuscito
ad essere più’ veloce, e’ proprio determinato quest’anno! Forse e’ proprio perché’ ha tagliato i
capelli…-; e mentre la luna incominciava a impadronirsi della notte la vetta più’ alta terminava con
la sua ironia e concludeva -Sicuramente non e’ come Sansone!-.

Fonte: Flavio Trovato

Flavio Trovato
scrivi qui le tue info...

Lascia un commento