TRAIL D´OULX, 21/09/2014, Ed # 6 – SOMMARIVA 2014 vs 2012 vs 2010

Posted on

Correva l´anno 2010 quando presi parte al mio primo Trail d´Oulx.Scelsi il percorso corto di 28 km, perchè quello di 40 km mi pareva, ai tempi, un´impresa improba, riservata, se non proprio a marziani, comunque ad atleti ben più preparati di me.Fu un giorno per me importante, il debutto ufficiale a una gara di TR di discreta lunghezza, anche se quando tagliai il traguardo, con un tempo mi pare ben superiore alle quattro ore, sicuro di aver compiuto un´impresa epica, ero più devastato che felice, ma già dopo un paio d´ore, nel bel mezzo del consueto terzo tempo, per me una piacevole novità, la stanchezza si ritirava piano piano e lasciava spazio a una bella sensazione di appagamento, favorita dal triptofano della pastasciutta e dal luppolo della birretta d´ordinanza, nonché dall´ambiente amichevole incontrato.
Nel 2012, con un po´ più di esperienza, mi ripresentai alla start-line di Oulx, nel mentre la gara era cresciuta, nella versione lunga, fino a 50 km.Fu in un certo senso un altro debutto, perchè arrivavo da un brutto infortunio e volevo confrontarmi di nuovo con un Trail di montagna impegnativo.Chiusi con molta fatica in 7h09´.
E rieccomi nel 2014, sempre qui, al “Jardin d´la Tur”, pronto a partire nell´aria frizzante del mattino per una bella sgroppata in montagna, sempre con le belle emozioni del 2010, anche se adesso non sono più un ingenuo M40 allo sbaraglio ma un saggio e consapevole (più o meno…)M45…I parametri col tempo cambiano, se un lustro fa finire la 28k era un obiettivo importante, oggi il Trail d´Oulx è una gara-allenamento in vista del mio “autunno caldo”, che consiste in Morenic Trail (113k e 2250 D+) e Ultra Trail del Lago d´Orta, che da voci molto affidabili, cioè Bertina-Baykova, sarà 88k con 6250 D+…passaggi che mi dovrebbero portare, se tutto va bene, all´iscrizione UTMB 2015 o 2016…brividi, per molteplici motivi…!!!


I primi 12 km scorrono rapidi, oscillo tra la decima e la sesta posizione, è un tratto pianeggiante con qualche strappetto, qui devo essere veloce, guadagnare il più possibile, perchè tra poco si sale, e so già che saranno dolori.Il sentiero serpeggia lungo il Gran Bosco di Salbertrand, per poi sfociare nel famoso “ristoro autostradale”, cioè si attraversa la Torino-Bardonecchia su passerella soprelevata e appena sotto c´è un super ristoro, dove a malincuore mi volto dall´altra parte per non cedere alle tentazioni del palato…questo è il momento più duro della gara, per un trailer goloso come me…
Si sale adesso da quota 1100 m fino a 2700, dapprima nel bosco, poi nel tipico ambiente selvaggio dell´alta montagna, la traccia molla solo per un breve tratto di strada forestale in piano, poi ancora su dritta per la linea di massima pendenza, una variazione rispetto al percorso che conoscevo che saliva più dolcemente a tornanti.Da Gennaio faccio gare senza sosta e sono un po´ stanco, e poi sono su di peso di 3-4 kg, arrivo ai 2700 m del Colletto del Vin Vert intorno al 35° posto, avevo previsto di perdere molto in salita ma forse sono andato oltre.Con una maldestra operazione idraulica riesco a rovesciare la borraccia aperta per terra, e ringrazio il Trailer che prima di seminarmi mi offre qualche prezioso cl di H2O.Le previsioni meteo davano sereno totale, invece il sole si vede ben poco, in alto tira vento e sento freddo, il guscio non l´ho preso, perchè, al di là delle previsioni, si è partiti con un bel sole.Passo il gonfiabile del GPM e per me inizia un´altra gara:
A quota 2700 corro bene i 2-3 km di moderato su e giù su strada militare, fa sempre freddo e voglio levarmi in fretta ad lì, questo mi porta a un paio di sorpassi, utili per cominciare a raddrizzare una classifica un po´ triste e preziosi per il morale.Scollino, e compare davanti agli occhi l´esaltante lungo down-hill che riporta in valle, sui 1500m D-!!!Le leggi fisiche della gravitazione universale questa volta sono dalla mia parte, i 3-4 kg di sovrappeso perdono di importanza, invece è fondamentale che l´aquilotto Iskyt è redivivo e incombe minacciosissimo dall´alto…
Il primo sorpasso lo faccio nella parte alta, un bel sentieraccio sassoso e tecnico di alta montagna, che poi si infila in un bosco di abeti dal fondo morbido e veloce, con qualche intermezzo ancora tecnico.Scendo svelto, in agilità, ultimamente ho allenato molto la discesa (mio tipico allenamento:Gressoney Staval-Rifugio Sella, 1800 m d+, sviluppa a/r di soli 15 km, quota max 3600 m), dopo l´Elba Trail ho capito che ero troppo carente nelle discese tecniche, qualche miglioramento l´ho notato.Trotto giù divertendomi, non raggiungo nessuno fino al ristoro di fondo valle, la discesa in completa solitudine è fantastica, però mancando i riferimenti “umani”non bisogna perdere la concentrazione, che farebbe rallentare.Ma a sensazione sono abbastanza veloce, infatti al ristoro c´è uno che fa il pieno alle borracce.Da lì a Oulx il percorso è simile ai primi km, a parte una salita di 200-300 m d+ e un´altra, ripidissima, a 1 km dall´arrivo, ma ormai sto benone, è il terreno che prediligo e gli ultimi 20 km sono come le ciliege, anzi, caldarroste, che siamo in stagione, un sorpasso tira l´altro.
Finisco 26°assoluto, 22° cat. M, 07h, 05´, niente di eclatante, ma l´M45 2014 batte l´M40 2012 di 5´, e questo mi piace un sacco !!!

L´evento dell´amico Marco Abbà e dei suoi OulxTrailers rimane sempre una magnifica classica di fine estate, organizzata perfettamente, con palestra per dormire, docce, pasta party, musica live con i bravi “Una città per cantare”, e altro, concentrati in un´area piccola, così da non obbligare gli atleti stanchi a odisee post gara indesiderate.Il percorso è bellissimo, segnato alla perfezione, molto vario e mai noioso, si attraversano paesini di montagna fantastici con tanti sostenitori, buoni ristori e bravissimi volontari, ci si sente sempre “al sicuro”, costo d´iscrizione più che onesto e percorsi da 4 a 50 km per ogni gamba.

Lunga vita al Trail d´Oulx

Andrea “runnolo”Sommariva

Fonte: Andrea “Runnulo” Sommariva

Andrea Sommariva
scrivi qui le tue info...

Lascia un commento