Ecco perchè Alberto non c’era venerdì sera alla serata di presentazione ISKYT

Posted on

La scorsa domenica ho concluso la mia stagione Trail, correndo nel bellissimo parco del Conero , Ancona, una zona spettacolare con panorami mozzafiato e squarci a picco sul mare.
Nell´ordine posso complimentarmi con gli organizzatori per aver costruito un percorso che sinceramente è molto bello, divertente e da non sottovalutare, non sarà tecnico ma senza dubbio non facile.
La partenza da Sirolo con giro intorno alle antiche mura , fa si che non ci sia una enorme massa di gente all´imbocco del parco e sulla discesa verso la spiaggia di San Michele, si infatti dopo un km ci si spara giu a picco sul mare, si corre sulla spiaggia per qualche centinaio di metri , per poi prendere la prima salita verso l´interno del parco nazionale. Per chi conosce la zona sa che gli “stradelli” che portano alle varie spiagge sono tutti con pendenze importanti ,e così si dimostra il primo strappo. È sempre un alternarsi di salite , piccoli tatti di piano tutti immersi nella foresta, e poi nelle pinete.


Su queste salite si può ogni tanto ammirare il mare Adriatico che da queste parti è meraviglioso.
Lunga è anche la prima vera discesa che porta in località Poggio, percorso tutto in singol Track nella pineta, u susseguirsi di tornanti , sentiero mai troppo ripido e quindi mi diverto da morire a correre cercando velocità, un po troppo forse, per i miei canoni anche , ma è una figata.
Da Poggio strappone in salita per ritornare in cima al parco sempre alternando sali scendi e pianori.
Poi dalla cima si ridiscende verso la spiaggia nuovamente attraverso un altro sentiero che è utilizzato anche per praticare Down Hill , quindi mi ritrovo a fare salti e balzi tra rocce e radici secolari, spettacolo. Prima di arrivare sulla spiaggia si deve rifare un breve tratto su strada bianca , che come già detto particolarmente pendente e ghiaiosa. Fatica estrema sulla sabbia di nuovo in senso opposto risalita verso il paese con questi ultimi 800 metri che fanno sudare la conquista del traguardo.
Se non si è capito mi sono divertito un casino … fino a 50 metri dal secondo passaggio sulla spiaggia , infatti qui sono cascato rovinosamente inciampando in non so cosa . Nulla di grave raga solo escoriazioni e una botta alla cassa toracica, rialzato e concluso .
Un sincero saluto a tutti.
Ho certo onorato i nostri colori arrivando 49 esimo e con un tempo di 2ore 24minuti.
Alberto

Fonte: Alberto Castiglioni

Alberto Castiglioni
info...

Lascia un commento