Quando un piccolo gesto ti scalda il cuore

Posted on

Domenica 13 settembre ho partecipato al Moltrasio Imperial Trail, gara caratterizzata dal maltempo.
Partiamo con nuvoloni minacciosi, senza pioggia. Ma dopo pochi km, durante l´ascesa al monte Bisbino, si aprono le cateratte dal cielo; piccola sosta al Pizzo Meda per indossare l´antipioggia e si riparte, x il momento l´obiettivo è arrivare alla vetta 1320 mt, punto del primo cancello orario.
La pioggia è incessante e vedendomi circondato da atleti con pettorale giallo x la gara corta mi balena il pensiero di ripiegare sul percorso da 23 km.
Eccomi in vetta; sosta al ristoro e poi giù verso il bivio della gara sempre accompagnato dall´ira di Zeus.
A questo punto c´è da prendere una decisione: “Gianni stai bene, hai mezzora di vantaggio sul cancello, provaci” e via che si va, su e giù lungo una strada bianca fino ai piedi del secondo colle che mi porterà al rifugio S.Giacomo 1270 mt.
Arrivati in vetta però iniziano le difficoltà , perche il sentiero in discesa verso Cormana è impraticabile a causa del fango viscido, sono costretto a scendere costeggiandolo e facendomi penzolare da una pianta all´altra “modello scimmia”.
Si ritorna su di una mulattiera pianeggiante, riparto di buona lena , ma dalla parte opposta.
Un gruppetto di atleti mi richiama all´ordine , inversione e via verso l´ultimo cancello del 27km località Posa dove arriverò con mia sorpresa con 45 minuti di margine. Mi sento ancora bene quando inizio ad affrontare l´ultimo colle che mi porterà al rifugi Binate e Murelli , peccato che durante questa salita interminabile (circa 6km) qualcosa cambi. Dopo cosi tanto tempo sotto l´acqua mi sento veramente infreddolito e ovviamente più salgo e peggio è.
Premetto che a causa di una mia incuranza il mio GPS si è scaricato fin dai primi km lasciandomi nell´incertezza totale.

No! Non credo di riuscire a continuare; i pensieri in quel momento si fanno arrendevoli, penso anche ai miei compagni impegnati al TOR. Come faranno a combattere il freddo a quelle altitudini? Per loro una situazione così sarebbe normale amministrazione.
Continuo a salire e mi dico: “al prossimo punto di ristoro se mancano più di 15 km mollo il colpo, la salute prima di tutto” anche se in fondo l´unico problema è il freddo.
Finalmente si svetta. Arrivo al ristoro del rifugio Murelli 1220 mt e qui la fatidica domanda “scusate ma quanto manca? Perche così non posso continuare ho troppo freddo” e con mia sorpresa mi rispondono “ma guarda che ti mancherà 5 o 6 km e tutti in discesa, a questo punto non si può mollare praticamente sei arrivato” . Gli chiedo se posso entrare sotto il Gazebo a cambiarmi poiché preventivamente mi ero portato una maglia termica , la gentilezza e l´operatività direi quasi famigliare di questi volontari , da ore sotto l´acqua ,mi ha veramente scaldato il fisico e il cuore , mi hanno accolto e aiutato a sfilarmi il tutto e a rivestirmi, mi hanno rifocillato e con le loro parole di conforto mi hanno rassicurato. Pronti si riparte!
Nel frattempo sopraggiungono altri due atleti : ora siamo in tre, mi sento veramente meglio e inizio la discesa , un alternanza di sentieri sterrati e mulattiere. La pendenza non è eccessiva e con mia sorpresa le gambe girano bene! Man mano che si scende la temperatura è sempre più gradevole anche se col passare dei minuti mi rendo conto che forse i miei “amici” volontari , “involontariamente” mi avevano ingannato, ovviamente in buona fede!! Ma non importa il lago è laggiù che mi aspetta : finalmente dopo essere stato inghiottito per tutto il giorno dalle nuvole lo posso anche vedere , ho tutto il tempo per godermi appieno gli ultimi km , per me è il momento più bello della gara , il saluto delle persone affacciate qua e la dalle piccole baite disperse lungo il sentiero è veramente gratificante.. Ci siamo, ultime scalinate di cemento che mi portano al rettilineo di arrivo. Il gonfiabile dice stop! 07:06 per 45km 2550 D+ .Visto le condizioni sono veramente appagato..
Tracciato UP Meteo Down
Ristori UP Gianni Down (non ha messo il codice società nell´iscrizione risultando libero)
Assistenza UP

Fonte: Gianni Pellegatta

Gianni Pellegatta
Gianni Pellegatta
scrivi qui le tue info...

Lascia un commento